Orata all’acqua pazza

L‘orata all’acqua pazza è uno di quei piatti di pesce semplici da preparare ma in grado di soddisfare a pieno la nostra voglia di secondi piatti di mare saporiti.

Piatto tipico della cucina campana, l’orata cucinata in questa maniera è leggera e nutriente e perfetta per ogni occasione. Un tempo l’orata era un pesce estremamente costoso, alla portata di poche tasche e poche famiglie, mentre ora tutto sommato si trova a cifre quanto meno accettabili. Una ricetta mediterranea di quelle che risultano ottime sia d’estate, quando innegabilmente la voglia di piatti di mare aumenta, sia magari sotto le feste.
L’orata all’acqua pazza richiede pochi passaggi ma al tempo stesso estrema cura sia nella fase di pulizia del pesce, che va squamato ed eviscerato prima di essere passato sotto l’acqua corrente. L’orata va poi deliscata e infine sfilettata, operazioni non troppo complicate ma che richiedono un pizzico di pazienza e di precisione. Senza troppi indugi vi lasciamo alla ricetta passo passo.

INGREDIENTI
Orata: 800 g.
Pomodori: 350 g.
4 spicchi d’aglio
2 cucchiai di olio extravergine di oliva
1 ciuffo di prezzemolo
Vino: 150 ml.
Sale: q.b.
Pepe: q.b.

PREPARAZIONE ORATA ALL’ACQUA PAZZA

Pulite, squamate e sviscerate il pesce, quindi sciacquatelo sotto l’acqua fresca e inserite all’interno della pancia dell’orataOrata all'acqua pazza uno spicchio d’aglio, un pizzico di sale e due foglioline di prezzemolo. Prendete una pirofila, ungetela di olio e disponete l’orata con i pomodorini tagliati a tocchetti. Aggiungete anche gli spicchi d’aglio rimanenti, il prezzemolo, l’acqua, il vino bianco e un pizzico di sale e pepe.

Infornate nel forno preriscaldato a 220°C per circa 25 minuti. Trascorso questo tempo, estraete dal forno la pirofila e disponete l’orata su di un piatto, quindi spellatela e tagliatela a filetti, avendo cura di eliminare tutte le lische. Mettete i filetti su di un piatto, irrorateli con il fondo di cottura e servite subito l’orata all’acqua pazza.

3 Replies to "Orata all'acqua pazza"

  • comment-avatar
    Pino Punzi 28 ottobre 2018 (11:20)

    Quanta acqua dovrebbe essere usata?
    Non si menziona la quantità nella sezione degli ingredienti.
    Saluti dalla Spagna

    • comment-avatar
      guido 28 ottobre 2018 (13:28)

      Ciao Pino! Noi ne abbiamo utilizzati 2 bei mestoli grandi.
      Buona domenica carissimo

  • comment-avatar
    Pino Punzi 28 ottobre 2018 (14:16)

    Molte grazie Guido!
    Io leggo quasi tutte le tue ricette e a volte ti dimentichi di aggiungere qualcun ingrediente nella lista.
    Buona domenica.
    Saluti dalla Spagna

Lascia un commento

Aggiorna le mie impostazioni privacy