Risotto alla Cavour

Le origini del risotto alla Cavour vanno ricondotte alla piana del vercellese, un’area geografica che detiene il primato della produzione italiana del riso. Ne è passata di acqua sotto i ponti dai tempi in cui le mondine si affaticavano tutto il giorno nelle risaie piemontesi, infestate da sanguisughe, zanzare e insetti di varia natura.

Il risotto alla Cavour è un piatto antico dai sapori robusti, che porta alla mente fotografie di una vita raccontataci per lui dai libri di storia e dai nostri bisnonni. Vediamo ora come preparare questa ricetta tradizionale che meriterebbe maggior spazio anche nella cucina moderna, considerando anche che la sua esecuzione è rapida e non richiede particolari abilità.

INGREDIENTIrisotto alla cavour 3
Riso: 350 g.
2 bicchieri di Barolo
1 cipolla
1 spicchio d’aglio
1 foglia di alloro
1 rametto di rosmarino
2 foglie di salvia
Olio extravergine d’oliva: q.b.
Brodo di carne: q.b.
Parmigiano Reggiano: q.b.risotto cavour
Sale: q.b.
Pepe: q.b.

PREPARAZIONE RISOTTO ALLA CAVOUR

Per realizzare il risotto alla Cavour prendete un tegame con un po’ d’olio e fatevi dorare la cipolla precedentemente affettata, lo spicchio d’aglio, l’alloro, il rosmarino e la salvia. Fatto ciò unite il riso e fatelo tostare, quindi aggiungete il barolo e fate andare fino a che non sfuma.

Levate lo spicchio d’aglio, bagnate col brodo ed aggiustate di sale, fino a completare la cottura del riso. Infine insaporite con una bella macinata di pepe e parmigiano grattugiato in abbondanza: il risotto alla Cavour è pronto. Se gli aghi di rosmarino non vi aggradano, potete polverizzarli nel macinacaffé.

2 Replies to "Risotto alla Cavour"

  • comment-avatar
    Franca 14 maggio 2014 (19:27)

    Avevo provato il risotto con il prosecco ma non con un vino rosso come il Barolo! Da sperimentare!

    • comment-avatar
      kung-food 14 maggio 2014 (22:24)

      Allora buona prova Franca 🙂
      Inoltre ho scoperto che qui in Veneto ne esistono un altro paio di versioni con vini locali, ma non ho ancora avuto modo di provare…

Leave a reply

Your email address will not be published.