Pollo alla diavola

Il pollo alla diavola è una ricetta estremamente popolare le cui origini, almeno etimologiche, non sono ancora del tutto chiare: pare che il significato del suo nome derivi dal fatto che il pollo alla diavola viene cotto su fiamme alte e vivaci, che nell’immaginario collettivo ricordano quelle infernali. Altri invece sostengono che il nome sia dovuto al generoso utilizzo del peperoncino impiegato per cospargere il pollo, che tra l’altro veniva spesso servito con una salsa molto piccante, quasi “diabolica”. La cosa certa è che il pollo alla diavola va tagliato lungo la schiena e poi appiattito per bene, così da essere rosolato su ambo le parti, girandolo di continuo e cospargendolo con una emulsione di olio, sale e peperoncino, eventualmente arricchita con erbette aromatiche.

INGREDIENTIpollo alla diavola
1 pollo di circa 1 kg.
6 cucchiai di olio extravergine d’oliva
Sale: q.b.
Peperoncino di Caienna: q.b.
Aromi per arrosto: q.b. (facoltativo)

PREPARAZIONE
Come prima cosa prendete il pollo ed asportate il collo e el zampe, quindi pulitelo delle eventuali piume residue, lavatelo ed asciugatelo; fatto questo praticate un lungo taglio sulla schiena, da cima a fondo. Aprite per bene il pollo ed appiattitelo più che potete, quindi massaggiatelo con una emulsione di olio extravergine d’oliva, sale, aromi da arrosto e peperoncino; ovviamente la quantità di quest’ultimo dipende da quanto piccante volete che divenga il vostro pollo alla diavola.

Dopo aver scaldato la piastra, adagiatevi il pollo, che va fatto dorare con la parte tagliata rivolta verso il basso; ogni 4-5 minuti (a seconda anche della potenza e del calore delle fiamme, ma anche delle dimensioni del pollo) giratelo sull’altro lato, fino a quando non risulta cotto a puntino. Quando il pollo alla diavola risulta pronto, ben rosolato ed abbrustolito, servitelo in tavola accompagnato da delle patate o da un buon contorno di verdure.

No Replies to "Pollo alla diavola"

    Leave a reply

    Your email address will not be published.