Nervetti in insalata

I nervetti in insalata sono un piatto tradizionale lombardo che veniva anticamente servito nelle locande, così da rifocillare i viandanti e tutte le persone di passaggio, in cerca di qualcosa di saporito e semplice.

Per preparare i nervetti in insalata servono pochi ingredienti di uso comune, come i piedini di vitello, l’aceto, i cipollotti, carota, sedano e cipolla e dell’olio extravergine di oliva. Questo piatto tradizionale veniva solitamente accompagnato da un bicchiere di vino bianco ed il suo nome deriva dal termine dialettale “gnervitt“, che in lombardo significa “tendini”.
In buona sostanza, la parte del vitello utilizzata per preparare questa ricetta vecchia di secoli ma ancora oggi proposta in qualche osteria alla buona.

INGREDIENTI
2 piedini di vitello
1 costa di sedano
1 carota
1 cipolla
2 cipollotti
2 cucchiai di aceto
4 cucchiai di olio extravergine di oliva
Prezzemolo tritato: q.b.
Sale: q.b.
Pepe: q.b.

PREPARAZIONE NERVETTI IN INSALATA

Affettate in maniera grossolana i cipollotti, dopo di che bagnateli con l’aceto in una terrina. Fiammeggiate i piedini di vitello, Nervetti in insalataraschiateli e lavateli con l’acqua fredda, quindi immergeteli in una pentola piena d’acqua. Lavate e mondate il sedano, la carota e la cipolla: tagliatele grossolanamente e mettetele in pentola assieme ai piedini. Mettete la pentola sul fuoco e lasciate cuocere per 2 ore e mezzo circa: quando l’acqua inizia a bollire, salatela.

Quando i nervetti si potranno staccare facilmente dall’osso, i piedini sono pronti: scolateli e lasciate che si raffreddino, quindi disossateli, tagliateli a striscioline e metteteli in un’insalatiera. Scolate i cipollotti dall’aceto e stemperate in quest’ultimo il sale, il pepe e l’olio d’oliva, emulsionando il tutto con la frusta. Unite i cipollotti ai nervetti, spolverate con il prezzemolo e condite con la salsina all’aceto e olio di oliva, quindi servite i nervetti in insalata in tavola.

2 Replies to "Nervetti in insalata"

  • comment-avatar
    paola 10 gennaio 2016 (17:40)

    sono buonissimi! non ho però ancora avuto il coraggio di prepararli … buon anno Kung-food 🙂

    • comment-avatar
      guido 10 gennaio 2016 (17:43)

      Ciao Paola! Buon 2016 anche a te (e a PrimoNonSprecare, ovviamente!),

      guarda a me l’idea è venuta l’ultima volta che ero a Venezia, dove me li hanno serviti in un “bacaro”, un baretto, con solo pepe e aceto. Da lì mi sono innamorato dei nervetti 🙂

Leave a reply

Your email address will not be published.