Cagliette piemontesi

Le cagliette piemontesi sono una ricetta molto antica, tipica della tradizione alpina e più precisamente delle valli valdesi ed occitane della regione del Piemonte. Questo delizioso primo piatto ha una preparazione molto simile a quella degli gnocchi, tuttavia non è a base di patate ma di pane raffermo, pertanto è un ottimo piatto di riciclo. Le cagliette piemontesi, dette anche calhetas, hanno una forma leggermente allungata e vanno conditi con burro e salvia. Alcune varianti un po’ meno diffuse prevedono anche l’utilizzo, per la loro preparazione, di grissini spezzettati e patate, tuttavia noi andremo ad illustrarvi la ricetta classica, la più semplice e tradizionale possibile. Un piatto perfetto da consumare bello caldo nella stagione autunnale o in pieno inverno, anche se in realtà li si può apprezzare tutto l’anno.

INGREDIENTIcagliette piemontesi
Pane raffermo: 250 gr.
1 salame
Toma piemontese: 200 gr.
Farina di grano tenero 00: 100 gr.
Latte: 500 ml.
2 uova
3 noci di burro
Parmigiano Reggiano: q.b.
Salvia: q.b.
Sale: q.b.
Pepe: q.b.

PREPARAZIONE
Per realizzare delle ottime cagliette piemontesi, per prima cosa mettete in ammollo nel latte il pane raffermo, per almeno 2 ore. trascorse le 2 ore, prendete una pentola con acqua salata, mettetela sul fuoco e portate ad ebollizione; nel mentre, strizzate il pane raffermo e formate un composto quanto più omogeneo possibile utilizzando il pane stesso, la farina, le uova, la toma piemontese tagliata a piccoli dadini ed il salame. Impastate per bene con le mani per almeno 5 o 6 minuti, dopo di che andate a formare gli gnocchi con l’aiuto di 2 cucchiai; la forma finale sarà quella di piccole polpettine tonde o allungate.

A questo punto prendete le cagliette piemontesi che avete formato e cuocetele in una pentola con abbondante acqua leggermente salata, fino a quando non vengono a galla. Mentre state cuocendo le cagliette, dedicatevi alla preparazione del condimento: prendete una padella, fatevi sciogliere il burro ed unite 3-4 foglie di salvia precedentemente lavata con molta cura. Quando gli gnocchi risultano pronti, fateli saltare nella padella con il burro, servendoli molto caldi e spolverando infine con del pepe e abbondante Parmigiano Reggiano grattugiato.

VOTA LA RICETTA
[Voti totali: 0 Voto medio: 0]

4 Replies to "Cagliette piemontesi"

  • comment-avatar
    Erica Di Paolo 5 dicembre 2014 (09:49)

    Ma sai che non ho mai sentito parlare di questo piatto, nonostante le mie origini piemontesi? ^_^
    Interessante…

    • comment-avatar
      guido 5 dicembre 2014 (10:56)

      Non ne avevo mai sentito parlare nemmeno io a dire il vero…. ammetto l’ignoranza l’ho scoperto solo un mesetto fa in TV 🙂

  • comment-avatar
    Nunzia Mazzarella 5 dicembre 2014 (11:43)

    Che buone!!! Le devo provare, grazie per la ricetta 🙂

    • comment-avatar
      guido 5 dicembre 2014 (11:47)

      Grazie a te Nunzia che sei sempre così gentile!

      Buona prova!! 🙂

Leave a reply

Your email address will not be published.