Bigoli al ragù d’anatra

Una pasta tipicamente veneta, fatta in casa con farina, olio ed acqua senza l’utilizzo di uova: stiamo parlando dei bigoli. I bigoli al ragù d’anatra sono forse la variante più conosciuta ed apprezzata, soprattutto nel passato quando ogni famiglia veneta aveva in casa un “bigolaro”, un attrezzo a manovella da fissare al tavolo che serviva a fare questa deliziosa pasta fresca e porosa.

Proprio grazie alla sua porosità, bigoli ragu anatrail bigolo riesce ad assorbire alla perfezione il condimento. State comunque tranquilli: se non riuscite a prepararli in casa o non ne avete voglia, li trovate facilmente anche al banco frigo dei supermercati.
Per quanto riguarda il sugo d’anatra, invece, vi consigliamo di prepararlo in casa, seguendo la ricetta originale e tradizionale veneta: nessun preparato già pronto riuscirà mai ad eguagliare il sapore di questo sugo preparato al momento.

INGREDIENTI PER I BIGOLI
Farina di grano duro macinata: 400 g.
Acqua tiepida: 200 ml.
Olio extravergine d’oliva: 25 ml.
1 pizzico di sale

INGREDIENTI PER IL RAGÙ
2 petti d’anatra
Burro: 10 g.
2 carote
1 costa di sedano
1 cipolla
Passata di pomodoro: 100 ml.
1 bicchiere di vino rosso
1/2 litro di brodo di carne (preferibilmente anatra o gallina)
3-4 cucchiai d’olio
Sale: q.b.
Pepe: q.b.

PREPARAZIONE BIGOLI AL RAGÙ D’ANATRA

Iniziate con il ragù. Tagliate a piccoli dadini con bigoli al ragù d'anatra 3il coltello i 2 petti d’anatra , quindi affettate finemente la cipolla e tagliate sedano e carota a piccoli cubetti. Prendete una pentola e metteteci l’olio, il burro e le verdure tritate; fate soffriggere a fuoco lento e una volta che la cipolla è divenuta trasparente aggiungete il petto d’anatra a pezzetti. Ora alzate la fiamma e rosolate per bene la carne per 5 minuti; aggiungete il vino, coprite e cuocete per altri 5 minuti. Passato questo tempo aggiungete metà del brodo e la passata di pomodoro. Abbassate la fiamma e lasciate cuocere lentamente per almeno 90 minuti; a metà cottura aggiustate di sale e pepe. Di tanto in tanto ricordatevi di mescolare e di aggiungere un po’ di brodo se il sugo vi sembra troppo asciutto.

Ora dedicatevi ai bigoli. Versate la farina sulla spianatoia ed unite il sale. Aggiungendo l’acqua mescolata all’olio impastate fino ad ottenere un composto sodo; utilizzate la planetaria ed ottenuti i bigoli disponeteli su un vassoio infarinato. Lasciateli asciugare per mezz’ora almeno. Cuocete i bigoli in abbondante acqua salata per 3-4 minuti a seconda del loro spessore e una volta pronti condite con il ragù d’anatra, meglio se abbondante.

12 Replies to "Bigoli al ragù d'anatra"

  • comment-avatar
    Daniela 22 febbraio 2014 (20:02)

    Tropppppo buoni!!! ^^

    • comment-avatar
      kung-food 22 febbraio 2014 (22:51)

      Vero? Da buon veneto ho imparato ad adorarli quando mia nonna li faceva, avrò avuto 5 o 6 anni 🙂

      • comment-avatar
        Anonimo 23 febbraio 2014 (11:25)

        Io li ho assaggiati in Toscana!!! Qui a Roma non li ho mai trovati. Proverò a farli a casa:)

        • comment-avatar
          kung-food 23 febbraio 2014 (11:29)

          Fammi sapere come vengono! Quanto mi manca Roma e la cucina romana…. 🙂

          • comment-avatar
            Daniela 23 febbraio 2014 (19:37)

            Troppoppa gente a Roma!!! Uno stress!!:p
            Li preparerò in settimana! 😉

          • comment-avatar
            kung-food 23 febbraio 2014 (20:18)

            Allora mi farai sapere, ci conto 🙂

  • comment-avatar
    Daniela 18 marzo 2014 (22:15)

    Anatra finalmente trovata da Eataly:) Speriamo bene! Ti aggiorno!

    • comment-avatar
      kung-food 19 marzo 2014 (08:44)

      Grande! Certo fammi sapere che ci tengo molto 🙂

  • comment-avatar
    Daniela 30 marzo 2014 (12:53)

    Ops, la carne sembra gomma!!! 🙁 chissà cosa ho sbagliato!

    • comment-avatar
      kung-food 30 marzo 2014 (20:06)

      Oooops…toccherà riprovare 🙂

  • comment-avatar
    Daniela 1 aprile 2014 (23:45)

    il brodo mi ha salvata!!! 🙂

Leave a reply

Your email address will not be published.