Arancini di spaghetti

Gustosissima alternativa ai più classici arancini di riso, gli arancini di spaghetti sono uno sfizio al quale è davvero difficile resistere, un finger food se vogliamo insolito ma delizioso. Come si può facilmente intuire dal nome stesso della ricetta, gli arancini di spaghetti prevedono l’utilizzo di spaghetti, arricchiti con formaggio, uova e burro, in maniera tale da formare una golosa pallina ricca di gusto, da friggere nell’olio.

Questa ricetta è proposta in numerose varianti che differiscono tra loro  per gli ingredienti utilizzati nel ripieno, anche se la ricetta più popolare prevede l’utilizzo di un favoloso ripieno di ragù di carne e piselli, il tutto accompagnato da dadini di scamorza. Se cercate un aperitivo invitante o un antipasto insolito, gli arancini di spaghetti sono la soluzione ideale e vedrete che anche i vostri ospiti gradiranno.

INGREDIENTI PER 20 ARANCINIarancini di spaghetti
Spaghetti: 500 g.
3 tuorli d’uovo
Burro: 35 g.
Grana Padano grattugiato: 250 g.
1 bustina di zafferano
Olio extravergine di oliva: q.b.
Sale: q.b.
Pepe: q.b.

INGREDIENTI PER IL RIPIENOarancini di spaghetti 3
Carne bovina o suina tritata: 200 g.
1/2 cipolla
Piselli: 100 g.
Concentrato di pomodoro: 40 g.
Provola: 100 g.
Vino rosso: 100 ml.
Olio extravergine di oliva: q.b.
Pepe nero macinato: q.b.
Sale: q.b.

INGREDIENTI PER LA PASTELLA
Pangrattato: 500 g.
Farina tipo 00: 150 g.
Acqua: 350 ml.
1 pizzico di sale

INGREDIENTI PER FRIGGERE
Olio di semi di arachide: q.b.

PREPARAZIONE ARANCINI DI SPAGHETTI

Per preparare gli arancini di spaghetti iniziate realizzando il ragù di carne: prendete una padella antiaderente e fatevi sciogliere a fuoco basso il burro con un po’ di olio, quindi unite la cipolla tritata molto fine e fatela rosolare per 3-4 minuti. Una volta che la cipolla risulta appassita, unite la carne macinata e fatela rosolare a fuoco vivace per 5 minuti, dopo di che unite il vino e lasciate sfumare. Andate a diluire il concentrato di pomodoro in un po’ di acqua, unitelo alla carne, date una bella mescolata ed aggiustate di sale e pepe, quindi proseguite nella cottura a fuoco moderato per almeno 20 minuti.

Una volta che la carne degli arancini di spaghetti risulta quasi cotta ed il sugo addensato, aggiungete anche i piselli surgelati e terminate la cottura mescolando piuttosto spesso, così che gli ingredienti non si attacchino al fondo della pentola. Quando è pronto, fate raffreddare il ragù di carne e piselli e mettetelo in una ciotola, coperto da della pellicola, dopo di che riponetelo in frigorifero. Portate ad ebollizione abbondante acqua salata e fatevi cuocere gli spaghetti; nel mentre, sciogliete lo zafferano con un po’ dell’acqua di cottura ed unitelo nella pentola con la pasta.

Quando gli spaghetti sono al dente, scolateli e metteteli in una terrina con un po’ di olio, così da non farli attaccare; lasciate che si raffreddino e quindi conditeli con parmigiano grattugiato e burro. Aggiustate di sale ed unite anche i tuorli d’uovo, poi amalgamate bene tutti gli ingredienti e tagliate grossolanamente la pasta, aiutandovi con delle forbici da cucina. Coprite la terrina con della pellicola, mettetela nel frigorifero per tutta una notte e, il giorno seguente, estraete dal frigo sia la pasta che il ragù; tagliate la scamorza a dadini ed iniziate a comporre gli arancini di spaghetti.

Prendete un po’ di spaghetti, formate una palla e con due dita create un buco centrale, nel quale mettere un po’ di ragù e di formaggio; richiudete ora l’arancino e mettetelo su di un vassoio. Andate a formare tutti gli arancini, quindi metteteli in frigo per 10 minuti circa. Nel frattempo potete preparare la pastella: prendete una ciotola, mettetevi la farina, l’acqua ed un pizzico di sale e, con una frusta, amalgamate tutti questi ingredienti fino a formare un composto liquido e privo di grumi. Fate scaldare l’olio per friggere ed iniziate a passare, ad uno ad uno, gli arancini prima nella pastella e poi nel pangrattato.

Quando l’olio risulta ben caldo cominciate a friggere gli arancini di spaghetti, per 5-6 minuti, non di più (o comunque fino a quando la panatura risulta dorata). Una volta pronti, prelevate gli arancini dalla padella e scolateli, quindi metteteli ad asciugare su di un vassoio ricoperto di carta assorbente. Una volta che gli arancini di spaghetti hanno perso l’olio in eccesso, potete gustarli!

No Replies to "Arancini di spaghetti"

    Leave a reply

    Your email address will not be published.