Lo chef Bruno Barbieri “assaggia” la Ducati Scrambler

È uno degli chef italiani più conosciuti al mondo. La sua cucina è creativa, sperimentale quanto basta, molto coinvolgente. Star della TV da quando è uno dei giudici dell’edizione italiana di MasterChef, Bruno Barbieri è ormai un’icona della cucina italiana d’eccellenza. L’altra grande passione di Barbieri, subito dopo la cucina, sono le moto ed in particolar modo le Ducati. Dopo aver guidato il Diavel eccolo in sella a uno Scrambler®, l’ultima motocicletta nata a Borgo Panigale, quartier generale di Ducati. Barbieri è innamorato dello stile dello Scrambler®, tant’è che per il famoso chef questa moto ha molto in comune con la sua arte culinaria. Anticonformista, accessibile ed essenziale, lo Scrambler Ducati identifica il mix perfetto tra tradizione e modernità ed è un passo verso la pura essenza del motociclismo: due ruote, un manubrio largo, un motore semplice e tanto divertimento.

Cosa la affascina dello Scrambler®?Lo chef Bruno Barbieri assaggia la Land of Joy di Ducati Scrambler 1
Di questa nuova moto mi piace molto il suo fascino. Guidandola mi sono subito ricordato della mia gioventù e della spensieratezza di quegli anni indimenticabili quando possedere uno Scrambler® significava essere on the road. All’epoca, attraverso i viaggi in moto, si respirava un cambiamento di stile di vita del Paese e della gente, insomma, possedere uno Scrambler® faceva la differenza!

Se dovesse fare un viaggio con uno Scrambler® Classic, quale meta sceglierebbe?
Sicuramente andrei verso mete lontane, in compagnia di alcuni cari amici. Penso alla Turchia, a Istanbul in particolare, per respirare l’odore delle spezie e del mare, scoprire con la moto il fascino del mistero di una città alle porte d’Oriente!

Scrambler® è un mondo di libertà, divertimento, Lo chef Bruno Barbieri assaggia la Land of Joy di Ducati Scrambler 2espressione di sé. Che cosa vuol dire per lei “essere Scrambler” nella vita di tutti i giorni?
Per me essere liberi nella vita è una conquista non facile. Lo Scrambler® è come una bella donna: bisogna amarla e corteggiarla. È una moto per sognatori, per gente che guarda avanti con un occhio al passato, è una moto senza compromessi, un cavallo di razza. La guidi la prima volta e la ami subito”.

Il suo lavoro è una fusione tra creatività e passione: quale piatto dedicherebbe allo Scrambler®?
Sicuramente gli dedicherei un meraviglioso soufflé alla vaniglia in salsa di lamponi. Un dolce leggero, speziato, ricco di fascino. Un piatto che cresce in cottura e che quando lo mangi esplode in tutti i suoi sapori”.

No Replies to "Lo chef Bruno Barbieri "assaggia" la Ducati Scrambler"

    Leave a reply

    Your email address will not be published.