Cranachan

Noto anche come “Crowdie and Cream” dal nome del formaggio morbido delle Ebridi (Crowdie, appunto) usato nella tradizione al posto della panna, il cranachan è un dolce tipico scozzese fatto con panna montata, miele, lamponi freschi, avena tostata e l’aggiunta di un goccio di whisky che dona un sapore più intenso al tutto. Questo dolce viene presentato all’interno di bicchieri non troppo grandi dove si possono vedere i diversi strati che lo compongono ma tradizionalmente veniva “servito” anche mettendo tutti gli ingrendienti sopra il tavolo, all’interno di pattini, lasciando poi che ogni singola persona creasse il proprio cranachan. Facile e veloce da preparare, originariamente il cranachan era un dolce estivo consumato solo nei giorni più caldi, oggi invece viene servito tutto l’anno e particolarmente in occasioni speciali come le festività.

INGREDIENTI PER 4 BICCHIERINIcranachan
Panna: 250 ml.
Lamponi: 200 gr.
Fiocchi d’avena: 100 gr.
2 cucchiai di zucchero a velo
4/5 cucchiaini di miele
2 cucchiaio di whisky

PREPARAZIONE
In una padella non troppo grande tostate i fiocchi d’avena e una volta pronti, in una ciotola, mischiateli con il miele. A parte montate la panna, aggiungete lo zucchero a velo e due cucchiai di whisky (la quantità dipende dal vostro gusto personale, ne può bastare anche uno).

Schiacciate i lamponi (lasciandone da parte un po’ per la decorazione finale, 2-3 per ogni bicchiere) creando una specie di marmellatina e iniziate a creare gli strati all’interno del bicchiere: prima la panna montata poi la marmellata di lamponi e di seguito i fiocchi d’avena, fate un’altra sequenza in questo ordine e finite con l’ultimo strato di panna. Decorate con 2-3 lamponi, un po’ di fiocchi d’avena ed il vostro cranachan è pronto.

4 Replies to "Cranachan"

  • comment-avatar
    paola boni 25 giugno 2015 (06:12)

    grazie per pubblicare ricette da molti altri paesi, le ricette sono molto simili alle originali e fate un ottimo lavoro nell’esporre cucine etniche. Grazie di nuovo

    • comment-avatar
      guido 25 giugno 2015 (09:50)

      Grazie a te Paola!

      Grazie davvero dei complimenti, speriamo di poter migliorare giorno dopo giorno ma è bellissimo vedere che c’è qualcuno che apprezza il lavoro svolto. A presto e grazie invece a te del feedback 🙂

  • comment-avatar
    Lisa 25 giugno 2015 (10:03)

    Mi piace molto questa ricetta, non conoscevo affatto questo dolce.
    Grazie!

    • comment-avatar
      guido 25 giugno 2015 (10:13)

      Ciao Lisa 🙂

      Grazie mille, sono contento e spero ti piacerà. io l’ho conosciuta quando ero nel Regno Unito ed è una delle cose che mi ha colpito di più 🙂

      A presto!

Leave a reply

Your email address will not be published.