Tempura

La cucina giapponese oltre al sushi ed al sashimi vanta moltissime altre prelibatezze. Ad esempio il tempura, che consiste in pesce (solitamente code di gambero e calamari) e verdure avvolti da una pastella tanto croccante quanto saporita e leggera.

La ricetta del tempura prevede che i gamberi e le verdure,tempura precedentemente tagliate a listarelle di uguali dimensioni, vengano dapprima tuffati in una pastella ghiacciata e successivamente fritti nell’olio bollente. Il risultato di questo procedimento è una frittura estremamente croccante e gustosa ma assai più leggera delle tradizionali fritture che conosciamo. Pare comunque che il tempura sia stato introdotto in Giappone dai gesuiti portoghesi, dato che il termine deriva da “quattro tempora“, cioè il periodo di penitenza in cui si potevano mangiare solamente pesce e verdure.

INGREDIENTI
12 code di gambero
1 carota
2 zucchine
4 funghi champignon

INGREDIENTI PER LA PASTELLA
Acqua gassata ghiacciata: 200 ml.
Farina: 100 g.
1 tuorlo d’uovo
Olio di semi. q.b.

PREPARAZIONE TEMPURA

Per realizzare il tempura iniziate lavando per bene le zucchine ed eliminandone le estremità; fatto questo tagliatele a metà per il lungo e poi a listarelle, utilizzando soltanto la parte verde della zucchina. Prendete quindi la carota, pelatela, tagliatela a metà e poi a bastoncini; è la volta dei funghi champignon, da tagliare a fettine spesse circa 3 millimetri. Passate ai gamberi, ai quali dovete togliere la testa, le zampe ed i carapaci, lasciando tuttavia l’estremità finale munita della coda; con un coltellino eliminate l’intestino ed asciugateli per bene.

Ora preparate la pastella: prendete un contenitore di metallo ed immergetelo in una ciotola più grande piena di ghiaccio, così che la pastella rimanga sempre molto fredda. Sbattete il tuorlo ed unite l’acqua gassata gelata, poi setacciate la farina e mescolate per non troppo tempo. L’importante è che l’impasto non risulti colloso. Fatto ciò prendete un wok e scaldatevi l’olio di semi, portandolo a 180°: immergetevi i gamberi e le verdure con l’aiuto di una pinza, così da friggere bene ogni lato ed ottenere una perfetta doratura uniforme. Una volta pronti, togliete gli ingredienti dall’olio ed adagiateli su della carta assorbente così da eliminare l’olio in eccesso; servite il tempura accompagnando con l’apposita salsa, o con quella di soia. O meglio ancora… con entrambe!

Tempura

8 Replies to "Tempura"

  • comment-avatar
    Luna 12 aprile 2014 (12:09)

    Grande ricetta, cercavo proprio la tempura 😀

    • comment-avatar
      kung-food 12 aprile 2014 (15:22)

      Grazie Luna,
      personalmente adoro il fatto che la sua pastella non risulti pesante 🙂

  • comment-avatar
    Martha A. Cheves 25 giugno 2014 (23:08)

    Can you send this in English? I love Tempura.
    Thanks
    Martha

    • comment-avatar
      guido 26 giugno 2014 (00:22)

      Hi Martha 🙂
      If you are using a computer you will see the language translate on the right, but if you are using a mobile or tablet, then just scroll the recipe all the way down and after the “comments” section you’ll find the Google translate button 🙂

  • comment-avatar
    praveena 23 luglio 2014 (04:50)

    Substitutes for farina

    • comment-avatar
      guido 23 luglio 2014 (08:14)

      Oh, it’s just flour 🙂

  • comment-avatar
    gerlando 4 dicembre 2014 (01:16)

    interessante veramente.

    • comment-avatar
      guido 4 dicembre 2014 (08:24)

      Grazie infinite 🙂

Leave a reply

Your email address will not be published.