Succotash

Molti pensano, a volte a ragione, che la cucina americana proponga troppo spesso piatti grassi, calorici e piuttosto dannosi per la nostra salute. Bene, questo discorso non vale assolutamente per il succotash, un piatto statunitense che fa della freschezza e della genuinità i suoi punti di forza.

Una ricetta fresca ma gustosa, un contorno che non è solitamente annoverato tra le ricette americane più buone e famose, ma che saprà stuzzicare il vostro appetito, anche se seguite un regime alimentare vegetariano dato che tutti i suoi ingredienti sono di origine vegetale.
Ma da dove arriva il termine succotash che a noi suona così strano? Si tratta di una parola che deriva dalla lingua dei nativi americani Narragansett (stanziati nell’area che corrisponde all’attuale Rhode Island, Massachusett e New England) e che letteralmente significa “semi di mais spezzati”. Un piatto semplice, dai valori nutrizionali completi dato che contiene tutti gli aminoacidi essenziali per una dieta equilibrata. Una ricetta povera, in quanto a costo, e pertanto molto in voga negli anni ’30, gli anni della Grande Depressione. Se vi va di provarlo (cosa che vi consigliamo) vi lasciamo alla ricetta.

INGREDIENTISuccotash 2
1 zucchina
1 peperone rosso
1 scalogno
Fagioli Lima cotti: 250 g.
Mais cotto: 250 g.
2 rametti di timo fresco
Olio extravergine di oliva: q.b.
Sale: q.b.
Pepe: q.b.

PREPARAZIONE SUCCOTASH

Prendete la zucchina e il peperone, lavateli e mondateli e tagliateli quindi a dadini. Prendete una padella e versatevi due cucchiai di olio evo: quando questo è caldo, unite lo scalogno finemente tritato e lasciate che cuocia per un paio di minuti.

A questo punto unite le altre verdure: zucchine, mais, peperoni e fagioli. Regolate di sale e pepe e aggiungete anche il timo sgranato da un paio di rametti. Lasciate cuocere per 10 minuti, appena il tempo che le verdure diventino morbide. Il succotash è pronto per essere servito in tavola!

Succotash

No Replies to "Succotash"

    Leave a reply

    Your email address will not be published.