Pad Thai

Il Pad Thai, che tradotto significa letteralmente “fritto alla thailandese”, è il piatto nazionale della Thailandia, una ricetta davvero molto ricca di ingredienti, tra cui i principali sono i noodles, i gamberetti, le uova, il peperoncino, i germogli di soia, il tofu e le arachidi.

Solitamente il Pad Thai viene servito con uno spicchio di lime e c’è anche chi spreme il suo succo direttamente sopra gli altri ingredienti, una volta pronti. In molti ristoranti thailandesi questo piatto viene anche servito accompagnato da un pezzo di fiore di banano. Nel corso dei secoli la ricetta originale ha subito alcune variazioni: nelle strade e nei vicoli della Thailandia il Pad Thai viene servito solitamente più asciutto, mentre in altre zone del Paese e fuori da esso si serve una variante più unta e piccante, che risulta anche più pesante da digerire. Questa strepitosa ricetta divenne piatto nazionale verso gli anni ’30, quando il governo cercò di incentivare l’uso dei noodles a discapito del riso, che doveva invece venire esportato in dosi massicce. Al posto dei gamberetti, se volete, potete anche utilizzare il pollo.

INGREDIENTIPad thai
Noodles di riso: 200 g.
Gamberetti sgusciati: 250 g.
Tofu: 150 g.
½ porro
Germogli di soia: 100 g.
1 spicchio d’aglio
1 cucchiaino di peperoncino in polvere
1 scalogno
1 cucchiaio di curry
1 cucchiaino di tamarindo
2 uova
2 cucchiai di arachidi
1 lime
1 cucchiaino di zucchero
Erba cipollina: q.b.
Prezzemolo: q.b.
1 cucchiaio di salsa di pesce
3 cucchiai di olio di semi
Sale: q.b.

PREPARAZIONE PAD THAI

Prendete i noodles e versateli in una pentola contenente acqua tiepida/calda, nella quale dovranno riposare per circa 15 minuti. Nel mentre, scaldate nel wok l’olio di semi ed unite lo scalogno e lo spicchio d’aglio entrambi tritati molto finemente, quindi aggiungete anche il tofu a cubetti e i gamberetti (che vanno sgusciati e puliti a dovere). Fate rosolare il tutto a fiamma medio-bassa per 5 minuti.

Scolate i noodles con molta cura e tuffateli nel wok assieme agli altri ingredienti e a una tazza di acqua di cottura. A questo punto unite lo zucchero, il curry, il tamarindo e la salsa di pesce, oltre al porro e all’erba cipollina tritati finemente. Infine unite anche i germogli di soia, mescolate energicamente e proseguite nella cottura degli ingredienti.

Prendete una padella,Pad thai 2 rompetevi le uova e mescolate con i rebbi di una forchetta, dopo di che aggiustate di sale. Quando le uova iniziano a rapprendersi, versatele nel wok ed amalgamate bene per qualche secondo, quindi spegnete il fuoco ed aggiungete anche il succo di 1 lime, 1 peperoncino tritato o in polvere e le arachidi anch’esse tritate. Disponete nei piatti da portata e servite il Pad Thai ben caldo, per un’esplosione di profumi e sapori.

Nota: per l’ispirazione ringraziamo i nostri fraterni amici Davide ed Erika. Aspettiamo un invito “ufficiale” per gustarli comodamente a casa vostra!

Pad Thai

No Replies to "Pad Thai"

    Leave a reply

    Your email address will not be published.