Harira

L’harira è una zuppa tipica della tradizione gastronomica berbera, in particolare marocchina, che i fedeli di religione musulmana preparano in occasione del Ramadan: questo piatto è infatti assai nutriente, essendo arricchito con legumi e carne, e lo si mangia per interrompere il digiuno. Più che una zuppa questa ricetta può essere ritenuta, a ragion veduta, un pasto completo, un piatto unico non solo estremamente nutriente ma anche gustoso e saporito, da provare almeno una volta. L’harira è stata adottata dagli ebrei marocchini, che l’hanno portata in giro per il mondo, tanto che figura sulla tavola dello Shabbat e viene solitamente servita anche a conclusione del digiuno ebraico di Tisha B’Av. La ricetta dell’harira varia di famiglia in famiglia, alcune ad esempio la preparano senza carne, mentre altre aggiungono ai ceci ed alle lenticchie anche fagioli e fave.

INGREDIENTIharira
Carne di manzo o agnello: 500 gr.
Ceci: 150 gr.
Lenticchie: 150 gr.
1 cipolla
1/4 di gambo di sedano
1 cucchiaino di curcuma
1/2 cucchiaino di cannella
1/2 cucchiaino di zenzero in polvere
1/2 cucchiaino di zafferano
1/2 cucchiaino di paprika
1 lattina di pomodori pelati
Prezzemolo: q.b.
Coriandolo: q.b.harira 2
olio extravergine d’oliva: q.b.
Limone: q.b.
Sale: q.b.
Pepe nero: q.b.

PREPARAZIONE HARIRA

Come prima cosa prendete una pentola capiente e metteteci la carne, il sedano, la cipolla, i legumi e le spezie, oltre a un po’ di olio d’oliva; riempite d’acqua fino a coprire e fate cuocere a fuoco basso per 60 minuti circa o comunque fino a quando i legumi non sono ben cotti. Passato questo tempo aggiungete i pomodori pelati (che dovrete però prima spezzettare), il coriandolo ed il prezzemolo, quindi aggiustate di sale e fate cuocere il tutto per altri 60 minuti. Se necessario aggiungete dell’acqua. L’harira generalmente viene consumata insieme ai datteri o a dolci fatti di miele come i Chabakkia.

Harira

No Replies to "Harira"

    Leave a reply

    Your email address will not be published.