Gallo pinto

Piatto nazionale del Nicaragua (anche se pure il Costa Rica ne reclama la paternità), il gallo pinto è una specialità davvero molto semplice che viene spesso accompagnata da platani fritti e da uova strapazzate; solitamente gustato a colazione, può comunque essere consumato anche come pranzo o cena. Il nome di questa ricetta è dibattuto, ma la versione più curiosa riporta che anticamente un ricco contadino avesse messo all’ingrasso un gallo in maniera tale da offrirlo nel corso di un banchetto a tutto il paese; accortosi che non sarebbe bastato, servì anche riso e fagioli divenendo lo zimbello del paese stesso. I compaesani ridevano tra loro dicendo: “te ha gustado el gallo pinto del don?” ovvero “ti è piaciuto il gallo colorato del signore?”. Ad ogni modo sembra che il gallo pinto sia stato inventato dagli schiavi africani sbarcati sulle coste nicaraguensi, che dovevano utilizzare gli unici alimenti a loro disposizione.

INGREDIENTIgallo pinto
Riso non a chicco lungo: 1 kg.
Fagioli rossi: 1 kg.
1 spicchio d’aglio
1 cipolla
1 peperoncino fresco
1 foglia di alloro
Olio di arachidi: q.b.
Sale: q.b.

PREPARAZIONE
Iniziate mettendo a bollire i fagioli (che avrete messo in ammollo la sera prima per circa 12 ore) in una pentola con acqua, uno spicchio d’aglio, una foglia di alloro ed un pizzico di sale; una volta cotti scolateli ma conservate l’acqua di cottura. Prendete una padella con un po’ d’olio e soffriggetevi il peperoncino e mezza cipolla tagliati a listarelle, quindi aggiungete il riso e lasciatelo tostare per 5 minuti, mescolando così da non farlo attaccare.

Una volta che il riso è ben dorato, aggiungete 2 litri d’acqua (in pratica il doppio del peso del riso), poi coprite con un coperchio e fate cuocere per almeno 10 minuti. In un’altra padella invece soffriggete l’altra metà della cipolla tagliata sempre a listarelle, quindi aggiungete il riso scolato ed i fagioli; mescolate molto bene aggiungendo un po’ dell’acqua di cottura dei fagioli e lasciate cuocere per altri 10 minuti fino a che l’acqua non evapora. Servite il gallo pinto ben caldo accompagnato da formaggio e da uova strapazzate.

No Replies to "Gallo pinto"

    Leave a reply

    Your email address will not be published.